Imigrassion italiana;....quanti ga rivà ntea mèrica?
Sexta, 12 de Dezembro de 2014

Ze bisogno parlar quà che, no ze mia stato solche il Brasile che ga “piantà” politiche di imigrassion che giutea i imigranti che ghenavea il color i anca la religion che el goerno volea; ma anca piasea a raquanti paesi del mondo “ciapar” imigranti del nord dea europa, invesse di quei che vegnevano del sul. Lora cossì, trà i ani 1880 fin 1904, g’li italiani representea 57,4% di tuti i imigranti ntel Brasile. I ntel uno lontano secondo posto, vignea i portoghese, dopo i spagnòi i ancora i tedeschi. Trà il ano 1880 fin la prima guera mondial, el Brasile ze stato el tersso pì grando paese che ga recevesto italiani, restando indrio solche del Stati Uniti i dea Argentina. La imigrassion italiana ntel Brasile ga bio el suo biralto punto ntel finale del cècolo XIX. Però, in torno del ano 1900, capita ntea imprenssa italiana, le notìssie di che quà ntel Brasile, g’l italiani zera drio patir la fame, sensa schèi i pieni di divide con i paroni del posto in che laorea, i cossì no podea sbandonare le fasende i parquela restea senssa posto d’star. Cossita zeri obrigai restar laorando fin finir el dovito che i ghenavea, cosa che se tirea ani!

Questo lora ga fato con che el goerno italiano ntel ano 1902, traverso il decreto Prinetti, ga proibisto la imigrassion co la giuta del Brasile; parquela il numbro de imigranti ga restà massa cea dopo di quel ano, parché solche vignea par el Brasile, quel che ghenavea soldi ntea scarsela. Adesso vardemo sora la quantità i anca i perìodi em che i nostri antenati italiani ga vignesti: del ano 1884 – 1893: 510.533; del ano 1894-1903: 537.784 ; del ano 1904- 1913: 196.521; del ano 1914-1923: 86.320; del ano 1924-1933: 70.177; del ano 1934-1944: N\D; del ano 1945-1949: 15.312; del ano 1950-1954: 59.785; del ano 1955-1959: 31.263; totalisandosse così: 1.507.695 imigranti italiani ntel Brasile. Vardé adesso una canssioneta fata par una fameia de italiani veneti vanti di vegner ntel Brasile. Traverso questa canssioneta, ze fàcile verghe cossa l’italiani pensea catar quà ntel Brasile. 

La sonadeta ghe parla cossì: “Mèrica, mèrica, la si vive che ze una maravéia; ndemo al Brasile, con tuta la fameia! Mèrica, mèrica, si scolta cantar, ndemo al Brasile par lo popolar!”. Ma dopo de pena rivai quà, i ga visto che le cose no zeri mia come lori pensea; che “ il buso zera pì soto”! Par incoi ze questo, stimana che vien sevitemo. Me ocor dirghe a voaltri, che semo drio ndar pimpianeto, parché volemo che voaltri savé di tuta la istória sora i nostri antenati, cossita ze mèio par capir tuto che i ga patio vanti ancora de vegner dea Itàlia. Dopo pì avanti, portaremo quà anca le fròtole, la ciarla, le sonadete, istórie di taliani di questa region, tra altre tante cose bone che ghenavemo in testa sora el mondo talian; ze solche spetar! Strucon i saluto a tuti!

Ouça e divulgue o programa talian Ricordi D’itália na rádio sol d’américa FM 91.1 todo Domingo das 7 às 9 da manhã.

Comentários