La braura dei nostri taliani!!!
Sexta, 09 de Janeiro de 2015

Con la permission del nostro bon Dio, rivemo quà nantra volta con la bela stòria sora i nostri antenati. Sevitemo alora parlar sora la region quà del sud. L'italiani ga bio doperar le tere localisai ntel altopiano gausso, una region coerta per foreste, senssa trodi i comunicassion. Gà ocoresto par quela a lori svilupar una agricoltora di sotoesistensa. Questo parché le tere pì bone zere belche doperade per i tedeschi, che ghenaveva rivà un per di ani prima, stimai en 70 mile persone, che se godea di una s-cieta prosperità! La imigrassion taliana par quà ntel sud, gà sevità del ano 1875 fin 1892, dopo gà cascà pimpianeto! La cologna che presentea pì caraterìstiche taliane zera Cassias del Sud, che ntel ano 1898 belche contea con 25 mila persone, squasi tuti taliani. I contadini taliani si riprodusea presto, con la medana di 8 a 10 fioi par faméia ( compagni conìcii, mia vero?), cossì svanssea persone, zera bisogno parquela ndar in serca di tochi di tera in altre arie. Queste cologne taliane restea squasi sempre ntele regioni isolai per i boschi. Parquela el svilupamento zera pimpianeto, parché no ghenaveva mia trodi boni par menar la produssion fin i mercà che comprea i prodoti, oltre questo, i restea anca senssa salute i educassion! Ma par nantra banda, vìver in questa " isola", gà permetesto la manutenssion dei usi i abitùdine taliani, ndove ze stato possìbili la reprodussion orgànica di una società véneta del sècolo XIX . La influensa taliana gà restà visibili ntel panorama architetònico dea region, ndove fin le case di legno ghenaveva el cuerto tanti cascai ( inclinai), par facilitarghe el sbrissiamento di una neve che no vegnea pì! Oltre questo, la influensa se gà fato veder anca ntel modo dea faméia, ntei magnari i, soratuto, ntea léngua véneta che gà si slevà pì di altri dialeti vigneste dea Itàlia. Scominssiamenti, 95% dei taliani ntei stati sulini zeri contadini. Questo zera parché  ghenaveva una mancansa de man-di-òpera par far i altri laori, parché indùstrie squasi no ghenaveva, i questo fea che qualcheduni migreva par i paesi di argento ( Argentina i Uruguai) in serca dei laori. Par incoi ze questo, stimana che vien sevitemo. Adesso betemo soto la fròtola dea stimana!           "Alora una olta gà rivà nte una cea cità una riporte che voleva intervistà un vecieto de pì de cento ani. Gà rivà darente dea caseta i gà vedesto lù che vegnea fora, parecià come si ndea caminar: braghe corte, bicanchi ntei pìe, i cossì via. Lora la riporte con tuto el rispeto domanda se podeva parlar con lù. Sì,..gà dito el vecio,..ma presto che son drio ndar ntel giugo dea bola! Cramento ma te giughi bola ancora?!... si spaventa la tosa. Sì..i ghe pianto rento anca! Ma quanti ani gheto? 109 ani...dise el vecio! Dime una cosa: morito con so faméia quà? Nò nò...solche con me mama! La to mama?!! ma ze viva ancora?! Sì che a ze! Ma alora ciamea fora che mi vui parlar con ela anca! Adesso no dà mia, parché ela gà ndato catar la me nona che ze meda malà!!!   Strucon a tuti!!  Ouça e divulgue o programa talian Ricordi D’Itália na Rádio Sol D’América FM 91.1 Todo Domingo das 7 às 9 da manhã.

Comentários