Sevitando sora le cose de Dio ntel nostro bel parlar talian!!
Sexta, 23 de Outubro de 2015

Alora tosi! Gràssie a Dio semo qua nantra volta par sevitar scriver sora el vangelo de Gioan d'ndove se ghemo fermà setimana passà. Quando belche zera drio rivar la pàscoa giudaica, Gesù ga ndato su a Gerusalen. Ntel cortivo del témpio lu ga visto qualchedun drio vender bò, piégore e colombi, e altri sentai davanti de tole, cambiando i soldi. Alora lu ga fato una scùria de soghe e ga parà via a tuti del témpio, cossì come le piégore e i bò; sparpaio le monede dei cambiste e ga rabaltà le soe tole. Ai che zera drio vender colombe, ga dito: Cavé via de qua queste cose! Fermeve de far dela casa del me Pare un mercà! I soi dissìpoli se i ga incorzi de che ze scrivignà: “El bado par to casa me consumarà”. Alora i giudei lo ga domandà: “Che segnal miracoloso el signor pol mostrarghe par noantri come una proa de soa autorità par far tuto questo?” Gesù i ga rispondesto: “Destrusen questo témpio, e mi lo alsaré in tre di”. I giudei ga rispondesto: “Questo témpio ga levà quaranta e sei ani par esser edificà, e el signor ghe va alsalo in tre di?” Però el témpio del qual lu parleva zera el so corpo. Dopo che ga ressussità dei morti, i soi dissìpoli se ga incorzi de che lu gaveva parlà. Alora i ga credesto ntela scritura e ntela parola che Gesù ga dito. Mentre el zera in Gerusalen, ntela festa dela pàscoa, tanti i ga vedesto i segni miracolosi che lu zera drio far e i ga credesto in so nome. Pò Gesù no se fideva in lori, parché l'i cognosseva a tuti. Nò bisogneva che nissun ghe desse testimoniansa a rispeto del omo, parché lu ben saveva cossa gaveva ntel omo. Gaveva un fariseo ciamà Nicodemo, una autorità tra i giudei. Lu ze vignesto a Gesù a note, e ga dito: “Maestro, noantri savemo che insegna dela parte de Dio, parché nissun pol far i segnai miracolosi che sito drio far, se Dio no'l ze con lu”. In risposta, Gesù ga dichiarà: “Ve digo una verità: nissun pol veder el regno de Dio, se no'l nasser nantra volta”. Ga domandà Nicodemo: “Come qualchedun pol nasser dopo vècio? Ze ciaro che no'l pol ndar rento par na seconda volta ntela pansa dela so mama e rinasser!” Ga rispondesto Gesù: Ve digo la verità: Nissun pol ndar rento ntel regno de Dio, se no'l nasser dela aqua e del Spirito. Quel che nasse dela carne l'è carne, ma quel che nasse del Spirito l'è Spirito. No sté mia restar sorpreso par mi ghenaver dito: Ze bisogno che voialtri nassé nantra volta. Sevitemo setimana che vien... adesso una bela storieta.

Una volta un omo zera drio taiar i cavei, mentre questo, lu parleva sora le cose de Dio par el barbiero. El barbiero ga dito: Scusame, ma mi no credo mia sora la esistensa de Dio! Parché nò? domanda el omo. Parché se Dio esistesse, no ghenaveva ntel mondo tanti guai! El omo se ga tasesto e ga ndato via. Dopo de due minuti, e'l torna indrio con un toso de cavei longhi fin la schena e ghe dise par el barbiero: I barbieri no esisti, parché se nò, no gavaria tante persone co'i cavei longhi come questo toso! Come cossì? domanda el barbiero. Mi son barbiero! Adesso, se i ze co'i cavei cossì longhi, ze parché no'i ghe vien fin mi! Ze pròpio cossì, ghe dise el omo. Dio esiste, adesso, se ga tanti guai ntel mondo, ze parché le persone no'i ghe va fin lu!

Ouça e divulgue: Ricordi d'Itália, aos Domingos das 7 às 9h30, na Sol d'América FM 91.1

 

Comentários